MIA MADRE MI DICEVA SEMPRE:NON SUDARE!!


giovedì 19 gennaio 2012

DELIRIO ANAEROBICO

Questa mattina il prato del mio circuito in aperta campagna, sembrava una distesa di bambagio,con qualche ciuffo verde che spuntava di tanto in tanto qua e la ed ho sorriso al pensiero che forse è questo il modo scientifico con cui gli antichi alchimisti riconoscevano l'erba cattiva, che non muore mai..nemmeno a meno cinque sotto lo zero.
 Quando poi ho raggiunto l'amico pastore che vive in fondo alla carraia, il presepe è diventato completo, la lana delle sue bestie si impastava col paesaggio circostante e le tonalità di bianco erano interrotte solo dal manto nero del suo cane, che sarà un caso ma è un pastore pure lui...tedesco, fortuna non si chiama Spread e nemmeno Rex, perchè anche avere il nome di una nave di questi tempi porta sfiga...
 Ho scoperto che correre sul ghiaccio ha anche i suoi vantaggi, si riescono a schivare molto meglio quei "nei" marrone scuro che questi quadrupedi brucatori lasciano qua e la senza rispetto dei nostri battistrada, e che in primavera più di una volta hanno"odorato" i miei adorati mezzi di trasporto in schiuma di polipropilene!
 La vera sorpresa era però nel canale che risalgo spesso correndo sull'argine.
Quel patacca di un airone cenerino che non poteva mai fare a meno di sopravanzarmi quando facevo le ripetute, oggi è rimasto buono buono con le zampe a mollo nel' acqua gelida, chiaro segnale che si deve essere beccato una brutta tendinite!! Ben gli sta, il mio odio nei suoi confronti era pari solo al virtual partner del Garmin!
Dico era, non perchè ora che mi ha guardato con quegli occhi tristi ed il ciuffo abbassato mi sia più simpatico il grigio volatile, ma perchè non sono più in possesso del garmin, e nemmeno quell'omino stilizzato che mi batteva sempre mi manca poi troppo!
 Già,altro che abbigliamento tecnico, dovrei correre con uno di quei maglioni di lana grossa, che pizzicano sulla pelle, ed hanno il collo alto, penso il termine corretto sia lupetto...perchè perdono il pelo..e chissà  che magari indossarne uno non mi faccia tornare il vizio!
 Si il vizio!
Sono diventato un pistaiolo anonimo, nel senso che non "tocco" un ovale in plastan da circa sei mesi, sono fuori dal tunnel delle ripetute: dai 3x5000m in 18'30" con recupero 1km in 4'30" dai 20x400m con 1' di recupero...
ahahah che tempi...e sottolineo che tempi!!

 Lo scricchiolio improvviso sotto le suole mi  ha riportato alla realtà, ho lasciato la zona "verde" e mi sono ritrovato come al solito sulla statale, tratto obbligatorio di mezzochilometro per chiudere l'anello che mi riporta verso casa, ma oggi la sensazione sotto i piedi era molto diversa dal solito,  l'anas, infatti,  per prevenire incidenti, ha cosparso l'asfalto di sale in modo che gli pneumatici non perdano aderenza,impeccabile prassi per la sicurezza degli utenti...
 Ma come si legge spesso da queste parti, tutto questo iodio ce fara bbene alle arterie stradali!!!

Lasciamo alle partenze intelligenti l'ardua sentenza... intanto ci teniamo i nostri PROGRAMMI di governo che non sarebbero male se il CANONE da pagare non fosse cosi gravoso!!
Dopo tutto quando si chiama un idraulico,un meccanico,un elettricista si sà che la salassata arriva sempre i TECNICI costano cari!!!
 
 

20 commenti:

  1. oh oh ...anaerobico ? :)

    Ma cos'è il PLASTAN?????? :))) ah ah ah ...

    RispondiElimina
  2. Dai racconta il finale. Quando hai terminato l'allenamento, ti sei accorto che non eri ancora partito.

    RispondiElimina
  3. sempre divertente leggerti e andavo con l'immaginazione a quell'airone che ho incontrato :)

    RispondiElimina
  4. 3x5000 a 18'30" ? ma te se fora ?? :-)))) salutami l'airone! io sono un tecnico lo sai ?? :-)))))

    RispondiElimina
  5. lucky:forse il tartan..ma sulla pista del mio paese c è scritto plastan..e io lo memorizzato con quel nome il materiale elastico dove pianti i tuoi chiodi:-)

    RispondiElimina
  6. Giuseppe:no no ero sveglio non ho sognato lo so xché la doccia calda alla fine è stata una libidine

    RispondiElimina
  7. kaiale:no matto no..è colpa degli acidi che mi son fatto in questi anni!

    RispondiElimina
  8. Diego:commento semplice e chiaro anche se inizio ad avere il sospetto che ti abbiamo rubato la tastiera del p.c :-)

    RispondiElimina
  9. alina:lo conosci anche tu l airone attizzagli contro il cane a vedere se la smette di fare il fenomeno con noi corridori :-)

    RispondiElimina
  10. pimpe:mi risulta che tu 6 un tecnico pagato x montare le parabole sui monti..monti ci racconta parabole tecniche x farci pagare :-)

    RispondiElimina
  11. corri divertendoti sei un mito.......certo che i 5000 in 18 30.sti cazzi

    RispondiElimina
  12. hehehe, l'airone colla tendinite.... a te pavese te spiccia casa! :))

    RispondiElimina
  13. Troppa pista non fa bene... ;D

    RispondiElimina
  14. lello:sti cazzi!! Mi diveto più adesso di quando mi ammazzavo per fare quel tempo li..
    Yo:..è un complimento vero ;))
    Oliver:eh lascia conseguenze!!

    RispondiElimina
  15. Che bel quadro; anzi un acquarello di poesia.
    Complimenti

    RispondiElimina
  16. L'airone da ripetute è una classica forma di allucinazione che prima o poi colpisce tutti i runners.

    RispondiElimina
  17. @Bucci:obrigado!
    @father:Meno male credevo di essere un malato grave

    RispondiElimina