MIA MADRE MI DICEVA SEMPRE:NON SUDARE!!


mercoledì 12 ottobre 2011

AUTUNNO NELLA CAMPAGNA RAVENNATE

Sto godendo

Il clima è quello delle grandi prestazioni soleggiato ma fresco e viene voglia di uscire tra i campi anche quando sarebbe previsto un giorno di riposo.

Non che stia seguendo una tabella le mie corse sono costanti ad un passo lento medio che non mi mandi mai in affanno,ogni tanto sui cavalcavia provo a spingere un po' di più tanto per spezzare la noia di un ritmo sempre uguale  ma non arrivando mai oltre ai 150 battiti al minuto che rappresenteno la mia velocità di crociera attuale per poco più di un'oretta.
Quando passo tra i filari,il profumo della frutta matura appesa ai rami non si respira già da un po' mentre sotto le mie scarpe iniziano a scricchiolare le prime foglie secche vittime della stagione.
Nella via adiacente la mia abitazione,la cantina sociale è circondata dai trattori di frenetici contadini che fanno la spola dai propri possedimenti terrieri, portando carri ricolmi d'uva e la sera spesso la mia mente non può che tornare sui libri di scuola e rivangare quel
"..va per le vie del borgo il ribollir dei tini e l'aspro odor di vini l'animo a rallegrar.."
Alcune voci poi parlano di annata eccezzionale per l'Albana e il Trebbiano di Romagna quindi  l'integratore della prossima primavera promette già ottime prestazione a gambe ferme!!

La cosa sgradevole della settimana è stato uno sciame di formiche volanti che per due km buoni si sono stampate sulla mia faccia..avevo salvaguardato per fortuna gli occhi con una maschera da ciclista(memore di incontri passati) ma nulla ho potuto contro quelle che avevano come missione bellica introdursi nella mia bocca, nel naso e nelle orecchie.I miei orifizi si sono battuti con onore e alla faccia dei vegani hanno imprigionato queste truppe d'assalto in cerume,sputi di saliva e catarro espellendoli in più riprese dagli avamposti che cercavano via via di conquistare.L'assalto ha avuto anche degli aspetti piacevoli.. i miei capelli erano tornati completamente corvini ma dopo la doccia le formiche alpiniste hanno mollato la presa dal cuoio capelluto,lasciando ricomparire alla luce del sole le prime traccie d'argento della mia cute,facendomi arrivare alla conclusione che non sempre quando si vincono le guerre,si vince d'avvero...

Dopo aver provato sulla mia pelle così una delle piaghe che si abbattè sull'Egitto(erano cavalette in verità ma il paragone ci sta tutto)un secondo avvenimento mi ha sorpreso in corsa.
Proprio mentre correvo sotto un viale di platani,si è alzata una specie di tromba d'aria e mi sono trovato ad avanzare circondato da migliaia di foglie gialle e marroni che trasportate dalla furia del vento si alzavano tutt'intorno a me fino all'altezza dei miei occhi.Subito ammetto di essermela fatta sotto ma passato lo spauracchio di venir colpito da questi oggetti accartocciati e secchi mi sono reso conto che la tramontana soffiava alle mie spalle e la mia corsa era diventata veloce e leggera senza il minimo sforzo..son soddisfazioni èèè!!

Mi sono promesso una corsa al mare settimana prossima tra la pineta e una spiaggia deserta dove in assenza di turisti anche gli allevatori portano i propri purosangue a trotterellare..Io vorrei abituarmi un po' a correre su questo tipo di fondo perchè nella mia testa non ci sono obiettivi a breve ma continuo ad ambire ad un dei 50 posti a 1850€ a disposizione per la Tunisia  fino Dicembre c'è tempo per iscriversi..  

10 commenti:

  1. Due anni fa quando preparavo Firenze la preoccupazione maggiore nei LL non era il ritmo, la fatica o altro ma i moschini che appena imbruniva prendevano possesso dello spazio aereo del Valentino. Beh mal che vada son proteine no?! :-D Buona continuazione!

    RispondiElimina
  2. continua Kris... quel lento in spiaggia me lo sono promesso anch'io....

    RispondiElimina
  3. effetti collaterali della velocità, io devo inseguirle le formiche....

    RispondiElimina
  4. Qui girano ancora le mosche...E pungono come zanzare !!!

    RispondiElimina
  5. ah ah ah, 2 anni fa, misi la stessa immagine in un post inerente la stessa cosa...sciami di moscerini, quasi mi commuovo, siamo tutti uguali....

    RispondiElimina
  6. Il quadro delle tue Terre che hai dipinto e' bellissimo.
    Purtroppo a Roma non puoi fare altrettanto : le auto ed i palazzi son ben altra cosa e se vai in qualche parco, magari ti capita di vedere la natura sbruciacchiata da qualche maledetto, come e' successo da poco a me...!!!
    Pero' ho incontrato pure io nugoli di moscerini rompiscatole : le rondini son partite e questi beneficiari del bel tempo si sono scatenati alla grande, fornendomi praticamente le stesse tue avventure...!!
    Ma corriamo, e tanto basta.
    Marco Bucci

    RispondiElimina
  7. correre in quei posti e' bellissimo coi suoi pro e i suoi contro , ma e' il bello della natura......
    che sapore hanno le formiche volanti????

    RispondiElimina
  8. Formiche e trebbiano ... sei avanti ...molto avanti ...almeno di 30 minuti su 42km
    RB che non riesce a linkarsi

    RispondiElimina
  9. pure poeta me sei diventato!!! ;)

    RispondiElimina
  10. Ieri c'erano sciami di formiche volanti anche qui, mettevano quasi paura!
    Oggi stranamente non ce n'era una, ma tirava un vento fresco spettacolare!!!

    Se le sarà portate via il vento ...dici tu!
    No!
    Me le sono mangiate tutte io ieri pomeriggio!!!

    RispondiElimina