MIA MADRE MI DICEVA SEMPRE:NON SUDARE!!


mercoledì 26 ottobre 2011

AMO L'INDIA...INIZIO AD ODIARE LA SVEVIA

Credo che tra tutti i record dell'atletica mondiale a molti sia sfuggito quello che è successo appena una settimana fa,questo personaggio Indiano, giunto alla corsa ad 89 anni dopo la morte della moglie, ha chiuso in Canada una maratona alla veneranda età di 100 anni in poco meno di otto ore e mezzo.La cosa meravigliosa è che non credo abbia usato abbigliamento ipertecnologico ,seguito le tabelle di nessuna rivista specializzata ne tanto meno qualche dieta moderna,ha semplicemene corso con tanta passione.
Questo dovrebbe farci riflettere su quanto ci stiamo facendo prendere in giro dal mondo capitalistico che facendo leva sul nostro voler essere sempre al pari o ancora peggio davanti agli altri ci spinge attraverso la pubblicità ad acquistare i prodottini magici per stare davanti "all'amico"nelle sfide di tutti i giorni.
Il fatto che il mio nuovo eroe,appartenga ad una casta indiana di santoni che dedica gran parte del proprio tempo alla meditazione e al digiuno spirituale la dice ancora più lunga sulla forza della mente  e su quanto abbiamo perso di vista i veri bisogni primari nonchè (purtroppo) su quanto mangiamo troppo noi occidentali confronto la parte povera del pianeta il primatista centenario è praticamente pelle e ossa.
Lo stereotipo del bonzo indiano quindi direi che ci sta tutto...Meno vicina all'idea della qualità scandinava stanno risultando invece tutti i prodotti acquistati in questi anni dal sottoscritto.

Dopo la morte del mio cellulare nokia,si va ad aggiungere alle spese 2011 la riparazione di una pinza freno della mia  VOLVO C30 dopo appena 45000km il che è tutto dire sulla robustezza di cui ho sentito per anni andare fieri questi costruttori,tanto che ho tradito la nazionale FIAT anche se non mi ha mai dato un minimo problema e che motorizza anche il mio per ora affidabilissimo camper..

 Il sottoscritto è orgoglioso di essere Italiano ed ha capito che le strade in Germania non sono migliori perchè i tedeschi sono migliori di noi ma semplicemente perchè il territotio è più favorevole,costruire una strada sul Pordoi e una a Berlino c'è un bel ca++o di differenza ed ora di smetterla di piangere sempre la mamma governo.
Se ti iscrivi all'università,decidi di partecipare ad una corsa dove devi arrivare primo o al massimo sul podio per avere il lavoro dei tuoi sogni e non andare ad indignarti in piazza a Roma se non sei neppure tra i primi cento e non riesci a fare l'avvocato perchè hanno assunto il figlio di uno più ricco di te che tra parentesi ormai non ci crede più nessuno!!
Credo che la punizione esemplare per questi fanatici di cui ho sentito parlare Maroni in questi giorni sarebbe far lavorare nelle città alluvionate o terremotate queste belle persone,così capiscono cosa vuol dire sistemare le cose ed avere un badile in mano..
Poi la cosa alla quale non trovo risposta è la seguente se quelli che fanno sempre casino sono pagati dallo stato perchè in una questione di interesse nazionale come la TAV la manifestazione è stata pacifica mah?? Vado a pensarci che è ora di corricchiare    

14 commenti:

  1. bella questione....
    io non sono convinto dello zampino statle sotto le manifestazioni violente, credo più che noi giovani, se non veniamo terrorizzati da ritorsioni crediamo di poter far tutto e fare i forti agli occhi degli altri...tanto, alla fine non ci sono punizioni eclatanti

    buona corsa :)

    Alessio (kaiale)

    RispondiElimina
  2. Sul discorso podismo ti appoggio appieno !...Io non corro mai contro l'avversario, infatti mi diverto di più in allenamento (gareggio poco).

    Noi occidentali viviamo nel consumismo, e allora io consumo;la vita che è brevissima...Sono fortunato non mi manca niente perché lavoro (sodo)...(;-)...

    Gran bel post Ari !

    RispondiElimina
  3. Non è il mio caso che sono uno zuccone ma ho un amico che alla corsa universitaria s'è classificato primo (per non dire primissimo). Purtroppo si ritrova al palo perchè ha studiato archeologia, la Gelmini ha tagliato i fondi e per il dottorato lo pagano in sacchi di patate. Lui non si indigna e continua col suo lavoro perchè gli piace quello che fa e ci mette passione.
    A me girano un poco le palle perchè uno così meriterebbe di meglio e presto lo troverà, fuori dall'Italia.

    RispondiElimina
  4. @kaiale:non credo serva qualcosa di eclatante ma di utile per la collettività..dato che saranno le nostre tasche a dover pagare i danni causati da questi "signorotti"
    @Diego:anch'io consumo anzi spesso sperpero pure denaro ma sono consapevole di vivere nella metà del mondo dove si muore per obesità e non dalla fame e sono convinto che chi sta male sul serio non ha neppure il tempo di andare in piazza a devastare ...
    @Gobbo:Se è bravo come dici lo sponsor arriverà di certo ma con il terremoto a l'Aquila,l'alluvione in Veneto,in Liguria e forse sto dimenticando qualche altro disastro tu i soldi veri li daresti ad uno che studia le ossa dei morti o ai bambini nelle tendopoli??Per curiosità quale paese investe nell'archeologia nel 2011?

    RispondiElimina
  5. Ok allora pero' non fai entrare tutti quanti alle Universita', perche' le suddette cosi' ricavano soldi ed inoltre rimandi il problema dell'entrata nel mondo del lavoro per 4-5 anni....
    Mi sta anche bene che il posto di lavoro non sia garantito, ma ci deve essere una disponibilita' di offerta che qui si guardano bene dal creare.
    Ti risolvono il tutto col lavoro in nero, l'evasione fiscale e la completa scomparsa della previdenza sociale a cui e' chiamato a pensarci il lavoratore stesso; come ? Ovviamente con l'assicurazione, tramite una quota da versare a scadenza determinata..... cosi' quando perdi il posto di lavoro non la puoi soddisfare...!!!
    Eeehhh hanno pensato proprio bene come affossare questo popolo mio caro, facendo pagare alla prossima generazione i privilegi di quella che e' da poco andata in pensione.

    RispondiElimina
  6. qui il gatto si morde la cosa..i soldi che pagano gli universitari pagano i docenti che hanno studiato prima di loro e si sa che chi non è tanto bravo insegna(detto popolare) sulla sanità tale moore grande critico del sistema americano disse che la sanità italiana è la seconda nel mondo ma l erba del vicino....rubando tutti i soldi che ha rubato il b ha creato mediaset e credo che posti di lavoro ne abbia creati parecchi sicuro guadagnando sul lavoro onesto dei poveracci che pero almeno un lavoro lo hanno avuto insomma dove c è nero c è anche il bianco...io sono stanco di spendere soldi in votazioni quando tutti sostengono che alla fine son tutti uguali tanto ci governano la nato e l europa questa è la verità!

    RispondiElimina
  7. Riferendomi alla prima parte del post dico che è l'industria a creare i bisogni, e la pubblicità ci spinge a credere che siano indispensabili.

    RispondiElimina
  8. bel post , tra noi occidentali e orintali c'e un abisso!!!!!!!!!
    p.s comunque ari anche te a 100 anni vorrei vederti cosi...

    RispondiElimina
  9. Li ho visti anche io in una foto i tre indiani. Azz a 100 anni una maratona se pur praticamente camminando è davvero clamoroso. Dici che mi dovrei preoccupare dato che ho appena scelto come auto aziendale una volvo V60??????

    RispondiElimina
  10. lello: credo che da un po sia l unico muro che voglio demolire lo voglio battere quel record magari si va assieme

    RispondiElimina
  11. luca: il mio meccanico dice che il problema è nel pianale sotto che è lo stesso della focus e della v 50 e 40 tu sei salvo per le pinze almeno

    RispondiElimina
  12. Giacomo Gobbo ero io, ho fatto casino con gli account : P

    Ad ogni modo, io credo che la ricerca rappresenti una risorsa importante per l'economia di un paese. L'investimento sulla ricerca è un investimento che porta dei benefici a lungo termine. Forse con più fondi alla ricerca certi disastri naturali potrebbero essere arginati in maniera più efficace, di sicuro l'indotto derivante dallo sviluppo industriale può fornire più ricchezza e tutto quanto ne consegue. Specialmente in riferimento alle situazioni di emergenza.
    Paesi che investono nell'archeologia ?
    La Germania per il 2012 ha stanziato 12,5 miliardi per il fondo cultura (che prevede anche l'archeologia, la Francia 7,5 miliardi (+2% rispetto all'anno precedente). L'italia da quanto mi risulta è a 1,8 con tendenza al ribasso.
    Lo sponsor il mio amico lo trova ma, ripeto, non in Italia.

    RispondiElimina
  13. onore all'indiano: un saluto ;)

    RispondiElimina